ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama in Giappone: "Ponti a difendere le Senkaku"

Lettura in corso:

Obama in Giappone: "Ponti a difendere le Senkaku"

Dimensioni di testo Aa Aa

Continua la visita di Barack Obama in Giappone. Incontrando il primo ministro Shinzo Abe, il capo della Casa Bianca ha precisato la posizione statunitense sul contenzioso sulle isole Senkaku-Diaoyu, invitando entrambi i Paesi coinvolti a cercare il dialogo. Ma ha sottolineato che il trattato di difesa tra Washington e Tokyo prevede che gli Stati Uniti intervengano in favore del Giappone, se attaccato.

“Lasciatemi ribadire – ha affermato – che il nostro impegno per la sicurezza giapponese è totale. L’articolo 5 copre tutti i territori sotto l’amministrazione del Giappone, incluse le isole Senkaku.”

La precisazione ha sollevato le critiche di Pechino, secondo cui gli Stati Uniti devono “rispettare la promessa di non schierarsi nelle dispute territoriali” di altri Paesi.

La conferenza stampa è stata anche l’occasione per tornare sulla questione ucraina e sulle relazioni con Mosca.

“Ci siamo preparati alla prospettiva di doverci impegnare a ulteriori sanzioni” ha aggiunto Obama. “Sono già pronte. Va definito ancora qualche dettaglio tecnico e serve coordinamento con altri Paesi, ma il fatto che io non le abbia ancora annunciate non significa che non siano pronte.”

Il Presidente statunitense ha anche incontrato l’imperatore Akihito e la consorte Michiko. In programma inoltre una visita al santuario Meiji e una cena ufficiale di Stato.

Obama è in Giappone soprattutto per promuovere l’accordo di partenariato transpacifico, volto a creare la più vasta area di libero scambio del mondo. Il governo di Tokyo per il momento non firma, preoccupato delle possibili reazioni degli agricoltori locali.