ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca, "Costretti a reagire": via libera alle esercitazioni al confine con l'Ucraina

Lettura in corso:

Mosca, "Costretti a reagire": via libera alle esercitazioni al confine con l'Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

“Costretti a reagire”, Mosca motiva così il via libera alle esercitazioni militari russe al confine con l’Ucraina. Una risposta al concentramento delle truppe di Kiev nel sud est del Paese, come affermato dal Ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, che ha aggiunto:

“Se non riusciamo a fermare la macchina della guerra oggi, ci saranno molti morti e feriti. E il fatto che la Nato abbia annunciato delle manovre sui territori polacco e dei Paesi baltici, non incoraggia la normalizzazione della situazione”.

Mosca accusa i Paesi Occidentali di esercitare la la stessa pressione ai confini con l’Ucraina, con il contingente Nato che nei Paesi dell’Europa orientale è stato rafforzato con l’arrivo di altri soldati inviati da Washington.