ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Venerdì Santo tra pellegrinaggi e ''crocefissioni''

Lettura in corso:

Il Venerdì Santo tra pellegrinaggi e ''crocefissioni''

Dimensioni di testo Aa Aa

In tutto il mondo si celebrano i riti della Settimana Santa. I rituali pasquali dei cattolici e degli altri cristiani che seguono il calendario gregoriano si aprono a Gerusalemme con la Via Crucis del Venerdì Santo sulla via Dolorosa. La Passione di Cristo è commemorata ogni anno da migliaia di fedeli che si raccolgono fra i vicoli della via Dolorosa che attraversa il cuore del centro storico di Gerusalemme. Camminano lungo la strada che secondo la tradizione percorse Gesù trasportando la croce verso il Calvario.

Nelle Filippine, dove oltre il 90% della popolazione è di religione cristiana, le ultime ore della passione di Cristo si rivivono ogni anno con autoflagellazioni e crocefissioni per espiare i peccati. Per commemorare la crocifissione di Cristo alcuni indossano corone di filo spinato e si fanno inchiodare a una croce. Cruenti rituali, disapprovati dalla Chiesta Cattolica anche locale, che si ripetono ormai da secoli ogni Venerdì Santo della Quaresima e che attirano devoti, semplici turisti e residenti.