ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, Russia, Ue, Ucraina oggi a Ginevra per tentare un dialogo sulla crisi

Lettura in corso:

Usa, Russia, Ue, Ucraina oggi a Ginevra per tentare un dialogo sulla crisi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il tavolo di tutte le discordie è pronto per oggi a Ginevra. Il Segretario di Stato Americano John Kerry è giunto in Svizzera dove Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Ucraina cercheranno di riportare la luce del dialogo nel vicolo cieco della crisi in corso nell’Est dell’Ucraina. Le premesse non lasciano tuttavia sperare in grandi passi in avanti vista l’irriducibilità delle posizioni.

“Chiediamo che la Russia ritiri le proprie truppe dalla frontiera orientale dell’Ucraina. Chiediamo che la Russia non appoggi le attività terroristiche in corso nelle regioni orientali dell’Ucraina. Ribadiamo che intendiamo la Crimea come parte integrante dell’Ucraina” ha detto il Ministro degli Esteri ucraino Andriy Deshchytsia.

Una situazione di stallo sempre più evidente, con l’Onu che aderisce alla posizione occidentale accusando la Russia di puntare a far esplodere l’Ucraina. E la Russia, membro permanente del Consiglio di Sicurezza con diritto di veto, che accusa l’Occidente di usare due pesi e due misure.

“Alcune delegazioni hanno espresso comprensione per i piani delle autorità ucraine di impiegare la forza contro i suoi stessi cittadini” ha detto l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vitaly Churkin. “Autorità, quelle di Kiev, che sono loro stesse il risultato di un’azione di forza e che ora hanno scelto di ignorare le richieste degli abitanti del Sud-Est del Paese”.

Se Mosca punti ad annettere l’Est ucraino come già fatto con la Crimea oppure semplicemente a smembrare il Paese non è chiaro. Ma certo una delle sue richieste oggi in vista di qualsiasi soluzione diplomatica sarà che Kiev non possa nè ora nè in futuro unirsi alla Nato.