ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Ginevra scarso ottimismo su una soluzione per l'Ucraina

Lettura in corso:

A Ginevra scarso ottimismo su una soluzione per l'Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

La stretta di mano tra John Kerry e Sergei Lavrov non basta per intravedere spiragli nella crisi ucraina.
A Ginevra, poco ottimismo accompagna il vertice dei capi delle diplomazie di Russia, Ucraina, Stati Uniti ed Unione europea.

Ma almeno, per la prima volta, Sergei Lavrov e Andrii Descitia si sono ritrovati allo stesso tavolo.

Un fallimento comporterebbe probabilmente nuove sanzioni contro a Mosca.
D’altra parte Kiev sta affrontando sul suo territorio un contrasto irrisolvibile con mezzi militari.

L’ipotesi di un’Ucraina federale, che piacerebbe a Vladimir Putin, è al momento respinta da Kiev, che promette però maggiori poteri alle regioni.

Per Washington è Mosca a tirare i fili dei gruppi separatisti in azione nell’est dell’Ucraina. La Russia nega.

“È la prima volta che tutti i 4 membri del negoziato si incontrano allo stesso tavolo” sottolinea l’inviato di euronews Serguii Nykyforov. “E fino a poco prima della partenza di Lavrov c’erano forti dubbi che questo incontro avvenisse. Ma c‘è il rischio che il fatto che i colloqui si siano effettivamente tenuti sia l’unico risultato raggiunto. Perché finora le distanze tra le parti sembrano incolmabili.”