ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina, la crescita frena al 7,4% nel primo trimestre

Lettura in corso:

Cina, la crescita frena al 7,4% nel primo trimestre

Dimensioni di testo Aa Aa

La frenata della crescita cinese? Tutto come da programma. Parola dell’ufficio statistiche di Pechino, che mercoledì ha pubblicato i dati del prodotto interno lordo della tigre asiatica.

Il ritmo di crescita nel periodo gennaio-marzo è stato sì il più lento da sei trimestri a questa parte. Solo il 7,4%, a fronte di risultati migliori nel terzo e nel quarto trimestre del 2013 (il 7,8% e il 7,7%).

Ma è stato comunque migliore delle attese e, per il governo, riflette il ciclo di riforme con cui la Cina sta cercando di trasformare la sua economia.

Dalla tradizionale molla delle esportazioni e degli investimenti, il Paese vuole effettuare una transizione verso i consumi e la domanda interna, dicendosi disposto a tollerare un rallentamento della crescita in cambio di maggiore sostenibilità.

“La nostra previsione per il 2014 in realtà non è cambiata”, dice John Zhu di Hsbc. “Siamo rimasti al 7,4% per il totale dei dodici mesi, per cui non crediamo che il numero di oggi avrà un impatto su di essa. Rimaniamo fiduciosi nella previsione del 7,4% per l’anno intero”.

I dati sembrano corroborare la visione di Pechino: se la crescita della produzione industriale ha deluso le aspettative, le vendite al dettaglio sono aumentate oltre le previsioni.

Questo non significa, comunque, che la Cina sia disposta a tollerare eccessive frenate: nelle scorse settimane il governo aveva annunciato nuovi stimoli economici seppure minori rispetto al passato: sgravi fiscali per le piccole imprese e investimenti nelle ferrovie.