ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: Yatseniuk offre all'est decentramento e uso lingua russa

Lettura in corso:

Ucraina: Yatseniuk offre all'est decentramento e uso lingua russa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier ucraino, Arseni Yatseniuk, vola nell’est del Paese per tentare la carta del dialogo, nel giorno in cui scade l’ultimatum per l’occupazione dei palazzi del potere.

A Luhansk, il quartier generale dei servizi di sicurezza è dai sei giorni nella mani degli attivisti filorussi che non accettano l’offerta di Kiev: decentramento, riconoscimento della lingua russa e l’amnistia proposta dal Presidente, Oleksandr Turcinov, se gli anti-governativi deporranno le armi e metteranno fine all’assedio.

I separatisti chiedono che la Costituzione ucraina diventi federale. Opzione che Kiev esclude perché la ritiene una porta aperta sulla secessione.

“Il governo centrale non solo è pronto al dialogo con le regioni – ha detto Yatseniuk – ma è pronto anche a soddisfare le richieste legittime e i desideri di tutti i cittadini del nostro paese”.

Ultimatum del governo ignorato anche a Donetsk, dove i separatisti sostenuti da Mosca non lasciano la sede dell’amministrazione regionale e rifiutano di incontrare il premier.

Probabile, secondo alcuni osservatori, che l’intervento dell’esercito sia stato congelato in attesa della fine della visita di Yatseniuk.

Nell’est diviso, i rapporti di forza sono invertiti a Odessa, sul mar Nero, dove giovedì il candidato del Partito delle Regioni, il filorusso Oleg Tsarev, è stato costretto a lasciare il suo albergo – circondato dai sostenitori del governo di Kiev – con l’aiuto delle forze di sicurezza.