ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Si aggrava l'instabilità nell'Est ucraino. Stallo diplomatico Usa-Russia

Lettura in corso:

Si aggrava l'instabilità nell'Est ucraino. Stallo diplomatico Usa-Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

È una guerra di nervi e pressione quella che si consuma nelle principali città dell’Est ucraino. Una partita su cui si riflettono le contrapposizioni internazionali.

A Lugansk resta alta la tensione dopo la notizia che, secondo fonti ucraine smentite tuttavia dai gruppi filorussi in campo, la sede regionale dei servizi sarebbe stata minata con decine di persone in ostaggio all’interno.

A Kharkiv è scattata la controffensiva delle forze speciali contro quelli che sono ormai definiti attentatori dell’unità territoriale ucraina: russofoni indipendentisti che picchettavano la sede del governo regionale.

In continua evoluzione la situazione a Donetsk. Ma l’autoproclamazione di una “Repubblica Popolare” con adesione alla Russia è durata solo 24 ore: propositi ritirati dai militanti filorussi che continuano tuttavia a sostenere l’idea di un referendum.

Un caos che si riflette negli attriti delle diplomazie internazionali, russa e americana in primis, impegnate da un lato in uno scontro frontale sull’approccio alla crisi dall’altro nel tentativo di organizzare una trattativa a 4: Usa, Russia, Ucraina, Unione Europea.