ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

India:elezioni lunghe 5 settimane. Favorito il candidato di destra Modi. In caduta libera la dinastia Ghandi

Lettura in corso:

India:elezioni lunghe 5 settimane. Favorito il candidato di destra Modi. In caduta libera la dinastia Ghandi

Dimensioni di testo Aa Aa

In India ha preso il via la lunga maratona per le elezioni per il rinnovo del Parlamento che si concluderà il 12 maggio, dopo ben nove tornate. Alle urne sono chiamati oltre 800 milioni di aventi diritto al voto.

Un test cruciale per il Paese dove, a differenza del 2009, questo voto è monopolizzato dalla sfida tra due leader: il 63enne Narendra Modi, del partito di destra Opposizione indù nazionalista, (Bharatya janata party) e favorito nei sondaggi a diventare il premier, e il 43enne Rahul Gandhi del partito del Congresso tradizionalmente al potere in India ma in calo nei consensi. L’attuale coalizione al governo, si attesterebbe a quota 111-123 seggi, registrando una delle peggiori performance degli ultimi anni. Nel mezzo un ‘terzo incomodo’, un attivista “anti corrotti’ Arvind Kejriwal, di 45 anni.

“Oggi quasi il 70-80% dei nostri elettori, dice un analista, ha meno di 35 anni e di conseguenza non sono affascinati dalla figura di Rahul Gandhi. Ecco perchè questo leader della dinastia del Congresso, un partito storico, e che ha governato per parecchi anni, ora sembra essere in crisi, così come la dinastia stessa sembra essere in caduta libera.”

Non bisogna poi dimenticare che il voto avrà ripercussioni anche sulla vicenda dei marò italiani. Massimiliano Latorre e Salvatore Girone da oltre due anni sono trattenuti in India con l’accusa di aver ucciso due pescatori del Kerala scambiandoli per pirati.