ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pochi impianti e inadeguati, ma in Afghanistan c'è chi sogna di eccellere nello sport

Lettura in corso:

Pochi impianti e inadeguati, ma in Afghanistan c'è chi sogna di eccellere nello sport

Dimensioni di testo Aa Aa

Fra le tante cose che era difficile fare sotto i talebani, c’era la pratica dello sport. Per le donne, ma anche per gli uomini. Perfino il Buzkashi, disciplina equestre nazionale afghano, non era ben vista. Per non parlare del fare il tifo, consentito solo inneggiando ad Allah.

Oggi molte cose sono cambiate. Fra mille difficoltà c‘è chi vuole emergere e competere con i migliori.

“Mi chiamo Habibullah” dice un ragazzo intervistato da euronews “Studio alle superiori e ho 17 anni. Mi alleno nella lotta. Il mio obiettivo è migliorarmi nello sport e arrivare a vincere una medaglia alle Olimpiadi, per onorare il mio Paese”.

Il 70% della popolazione afghana ha meno di 25 anni. I giovani amano lo sport e si aspettano che il prossimo presidente si mostri attento ai loro bisogni.

“Nonostante le strutture inadeguate – racconta l’inviato di euronews Mustafa Bag – e i pochi impianti, i giovani afghani provano a migliorare in questo campo. Lavorano duro per vincere una medaglia. Kabul sta cercando di risollevare il suo centro olimpico grazie ad aiuti esteri”.