ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuovi venti secessionisti sull'est dell'Ucraina

Lettura in corso:

Nuovi venti secessionisti sull'est dell'Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

La storia, recente, si ripete. Centinaia di filorussi hanno preso domenica sera il controllo di un edificio dell’amministrazione regionale di Kharkiv, nell’est dell’Ucraina. Circa 2.000 persone hanno chiesto a gran voce un referendum simile a quello che ha sancito la volontà della Crimea di staccarsi dal Paese.

Scene simili si erano avute, poche ore prime, a Luhansk, città vicina al confine con la Russia. Centinaia di persone hanno circondato la sede locale delle forze di sicurezza.

“Voglio andare a casa – dice un’abitante della città – vedere la mia famiglia. E per passare il confine dovrei avere un passaporto straniero? Per vedere le mie zie, le mie sorelle, i miei cugini? Chi ha bisogno di questo?”

Anche a Donetsk, la più importante città industriale dell’oriente ucraino, feudo del deposto presidente Viktor Yanukovich, monta la protesta contro i nuovi assetti del potere. Kiev accusa Mosca di essere regista del malcontento nell’est del Paese.