ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Una retrospettiva su Hans Rechter porta il dada berlinese di nuovo a casa


Cultura

Una retrospettiva su Hans Rechter porta il dada berlinese di nuovo a casa

Hans Richter, regista d’avanguardia, tra i fondatori del Dadaismo ed uno dei pittori astratti più influenti del mondo.

A Berlino, sua città natale, una mostra espone 140 delle sue opere più importanti.

“Si può fare politica attraverso l’arte” era il suo motto. Così le opere di Richter denunciano la devastazione della Prima guerra mondiale e gli orrori del nazismo:l’impegno politico di un’artista che ha sempre cercato di andare oltre ogni barriera.

“Ciò che lo rende diverso da altri artisti è che non si accontenda di mantenere un solo stile. Si espone a rischi, non gli importa dove lo porteranno” spiega il curatore della mostra, Timothy Benson.

Richeter è famoso come uno dei maggiori sperimentatori di estetica cinematografica e le collaborazioni con man Ray, Jean Cocteau e Marcel Duchamp.

“Arte degenere”: così i nazisti definirono una sua mostra nel 1937, ma lui aveva già lasciato la Germania per trasferirsi negli Stati Uniti e poi in Svizzera dove morì nel 1976 all’età di 87 anni.

“Ha fatto così tanto a Berlino. Non solo è nato qui, vi si è anche radicalizzato. Ha girato i suoi primi film astratti appena fuori, nella periferia di Berlino —dice Benson— E’ passato brevemente da qui anche nel 1932 quando in un certo senso i nazisti gli davano la caccia. Penso che molto di ciò che contraddistingue Richter viene da Berlino, quindi è come se ora ritornasse a casa.”

La retrospettiva, intitolata Hans Richter: incontri – dal Dada ad oggi, è un progetto congiunto del County Museum of Art di Los Angeles, il Centro Pompidou Metz e la Martin Gropius Bau di Berlino dove la mostra resterà fino a Giugno.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Scuole materne più colorate, prima tappa per i bambini georgiani verso il mondo del lavoro

learning world

Scuole materne più colorate, prima tappa per i bambini georgiani verso il mondo del lavoro