ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: "le regioni scelgano il proprio futuro". Yanukovitch invoca referendum su unità nazionale

Lettura in corso:

Ucraina: "le regioni scelgano il proprio futuro". Yanukovitch invoca referendum su unità nazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex presidente ucraino Viktor Yanukovitch invoca referendum regionali in tutto il Paese, in modo da permettere ad ogni territorio di scegliere il proprio futuro e ha chiesto al proprio partito di accettare le sue dimissioni.

Non sembra impazzito l’ex signore di Kiev. Il Partito delle Regioni, la sua ex formazione, si sta riposizionando, e nel tentativo di ridurre al minimo le perdite elettorali, starebbe pensando di espellerlo, anche se ci sono dei pontieri, come questa deputata: “Ho detto a Yanukovitch che l’Ucraina è povera e non è in condizione di affrontare un referendum capillare solo per fare una domanda di cui conosciamo la risposta: ogni città, paese e regione appartengono a un’Ucraina unita”.

E questo finesettimana il partito dovrebbe annunciare il proprio candidato alle presidenziali. È Mikhail Dobkin, ex governatore di Kharkhiv e durante le proteste strenuo difensore del potere costituito contro gli euromaidan.

“Credo che fra i candidati che potrebbero parlare con Mosca”, continua la deputata, “ci siano Poroshenko, Tigipko e Dobkin, il preferito dai russi”.

Nella guerra delle parole e della diplomazia la Russia ha fatto sapere che non parlerà con nessuno di loro.

A Dobkin spetta intanto l’ingrato compito di andare contro il re del cioccolato, il favoritissimo Petro Poroshenko.

di Alberto de Filippis