ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ieri morte e macerie, oggi speranza e pallone. Qui si allenerà il Brasile

Lettura in corso:

Ieri morte e macerie, oggi speranza e pallone. Qui si allenerà il Brasile

Dimensioni di testo Aa Aa

Quando il pallone riporta vita e speranza.

Poco più di tre anni fa alluvioni e frane spazzarono via una buona parte della città Teresopolis, non lontano da Rio De Janeiro, facendo centinaia di morti.

Case divelte e strade sventrate. In foto la dimensione della tragedia.

Accanto alle croci che ricordano le vittime, a simboleggiare il ritorno alla vita è ora un rinnovato centro sportivo dove la nazionale carioca si preparerà ai Mondiali di calcio che il Brasile ospiterà dal 12 giugno.

All’inaugurazione del complesso di Granja Comary, le chiavi sono state simbolicamente consegnate all’allenatore Scolari.

“Quanto abbiamo qui ora – il suo commento alla cerimonia – non sarà soltanto un’eredità per la nazionale di oggi, ma per quelle dei prossimi venti, trenta, quarant’anni. Una struttura più volte proposta dagli allenatori, ma che mai era finora stato possibile realizzare”.

Qui una photogallery del complesso

Trenta suite, sei appartamenti e lussuosi spazi comuni sono stati allestiti perché dopo gli allenamenti in palestra e sul campo, i calciatori possano anche svagarsi.

Unico interrogativo è però se la siccità che già minaccia il Brasile consentirà di riempire la piscina.

FOR EXTERNAL LINKS (links to other websites, will open the new page in a new tab)