ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice a l'Aja, Obama: "Conseguenze se Mosca sbaglia"

Lettura in corso:

Vertice a l'Aja, Obama: "Conseguenze se Mosca sbaglia"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il vertice dell’Aja sulla sicurezza nucleare ha dato l’occasione al presidente statunitense Barack Obama di tornare sulla crisi ucraina, ammonendo il Cremlino a non fare errori: “Una mossa sbagliata avrebbe serie conseguenze, sta alla Russia ora mostrarsi responsabile”, ha detto in una conferenza stampa.

“La Russia è una potenza regionale che minaccia i suoi vicini più immediati: così non mostra forza, ma debolezza”.

Trentacinque dei 53 paesi presenti hanno firmato un protocollo per rafforzare la sicurezza dei materiali nucleari. Non hanno aderito la Russia e la Cina.

“Abbiamo ancora molto lavoro da compiere per raggiungere gli obiettivi ambiziosi di messa in sicurezza dei materiali nucleari diagnostici, civili e militari, in modo da cancellare un rischio per i cittadini. Credo sia essenziale per la sicurezza del mondo intero. Viste le conseguenze di un solo attacco, non possiamo essere indifferenti”.

Per il vertice è responsabilità dei singoli paesi quella di prendere “misure appropriate per impedire che soggetti non statali possano ottenere” materiali radioattivi di qualsiasi origine.

James Franey: “Questo accordo rappresenta un passo importante nel rafforzamento della sicurezza nucleare. Ma restano due problemi. Primo: nessun obbligo per gli stati, al di là della loro buona volontà. E un’altra domanda chiave riguarda la forza dell’accordo, dal momento in cui la Russia, il paese con il più vasto arsenale nucleare, non lo ha sottoscritto”.