ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, con nuove sanzioni l'economia rischia di finire in recessione

Lettura in corso:

Russia, con nuove sanzioni l'economia rischia di finire in recessione

Dimensioni di testo Aa Aa

Finora la Russia ha di fatto ignorato le sanzioni per l’annessione della Crimea. Ma presto, oltre al congelamento dei beni e al blocco dei visti per 21 individui, potrebbero arrivare misure con un impatto potenzialmente devastante.

Ad esempio nel settore energetico, con i capi di Stato dell’Unione Europea che hanno chiesto alla Commissione un piano per ridurre la dipendenza da petrolio e gas russi.

Senza contare che la sola minaccia di sanzioni già pesa sui mercati finanziari di Mosca: da inizio gennaio il principale indice della borsa ha perso oltre l’11%, mentre il rublo ha ceduto il 9%.

Principale problema è la fuga di capitali privati, cominciata l’anno scorso con la crisi dei mercati emergenti ed intensificatasi a inizio anno (35 miliardi di dollari solo a gennaio e febbraio) a causa dello scontro con le nuove autorità di Kiev.

“La situazione è molto negativa per la nostra economia perché nessuno sa che genere di sanzioni potrebbero seguire. Anche se quelle attuali sono limitate, la reazione è moderatamente negativa”, spiega Yaroslav Podsevatkin di Aton.

“Questo è molto brutto per il mercato azionario perché gli investitori hanno una memoria abbastanza lunga. Se se ne vanno, di norma tendono a non tornare”, aggiunge.

Le prime crepe sono apparse la settimana scorsa, quando Standard & Poor’s e Fitch hanno cambiato a “negativo” l’outlook di Mosca, preludio di un potenziale downgrade.

L’economia russa era già alle prese con una brusca frenata della crescita: solo l’1,3% nel 2013. Con il crollo della domanda e l’incertezza provocata dalle sanzioni, potrebbe scivolare addirittura in recessione nel secondo e terzo trimestre.