ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Buon compleanno Kiri Te Kanawa: i suoi 70anni al Covent Garden


musica

Buon compleanno Kiri Te Kanawa: i suoi 70anni al Covent Garden

In partnership con

Tanti auguri a Dame Kiri Te Kanawa, una delle più grandi star dell’opera lirica mondiale. Per il suo 70esimo compleanno è tornata al Covent Garden dopo 17 anni. “Ho sempre desiderato festeggiarlo qui. Sono molto fortunata che il Covent Garden mi abbia dato questa opportunità. Sono veramente entusiasta.” Il soprano neozelandese si è affermato a livello internazionale proprio al Covent Garden interpretando nel 1971 il ruolo della contessa delle ‘‘Nozze di Figaro’‘ di Mozart.

Nel programma della serata c‘è ‘‘La figlia del reggimento’‘, melodramma giocoso in due atti del celebre operista Gaetano Donizetti. Per una strana coincidenza, questa è stata la prima opera che Kiri Te Kanawa vide al Covent Garden quando studiava a Londra, oltre 40 anni fa. “Il Covent Garden a quel tempo era davvero speciale. Per me è stato un momento unico, avevo raggiunto il paradiso e non vedevo l’ora di mettermi al lavoro per poterci tornare di nuovo. Se ci ripenso il 1967 è stato un periodo veramente speciale ‘’ – racconta a euronews. Il cast dell’epoca era leggendario: “C’erano Luciano Pavarotti e Joan Sutherland. Lei era una dei miei grandi idoli. Non sapevo nulla de ‘La figlia del reggimento’ e ho pensato: ‘Questo tenore canta molte note alte. È davvero impressionante’.’‘

A seguire le orme di Pavarotti oggi è Juan Diego Flórez . Il tenore peruviano gli ha telefonato poco prima del suo debutto nel ruolo di “Tonio” al Covent Garden. “Ero dietro le quinte, poco prima di entrare in scena ‘’ – racconta Juan Diego Flórez – ‘‘e gli ho detto: ‘Maestro, sto per esibirmi nello stesso ruolo che ha interpretato lei l’ultima volta. Mi dica qualcosa’. E lui mi ha detto: ‘Campione andrai bene, non preoccuparti’.’‘ Nella produzione di Laurent Pelly, Kiri Te Kanawa indossa i panni de ‘‘La Duchessa di Crakentorp’‘, un ruolo normalmente non cantato, ma per l’occasione lei ha intonato un’arietta di Puccini. “Lei è sempre arrabbiata perché le cose non vanno come vorrebbe’‘ – spiega Kiri Te Kanawa . ‘‘Crede di essere superiore a tutti e che tutti gli altri siano sotto di lei. È una persona orribile, di quelle che ci si augura di non incontrare mai nella vita.’‘

Kiri Te Kanawa racconta, inoltre, del suo impegno nel sostenere giovani talenti: “Ho avuto una carriera incredibile. Spero che sia la stessa cosa per loro. Il mondo dell’opera lirica è diverso oggi. Gli studi sono più difficili. Guidiamo e sovvenzioniamo questi giovani talenti e la ricompensa è il loro successo. Tutto quello che voglio è che abbiano successo.”

Bonus interview: Kiri Te Kanawa & Juan Diego Flórez

La nostra scelta

Prossimo Articolo

musica

"The Enchanted Island", pastiche barocco made in the USA