ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crimea: ucciso funzionario dell'esercito ucraino. Kiev parla di "crimini di guerra"

Lettura in corso:

Crimea: ucciso funzionario dell'esercito ucraino. Kiev parla di "crimini di guerra"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il confronto tra Ucraina e Russia in Crimea fa le prime vittime e Kiev accusa Mosca di crimini di guerra. Un funzionario dell’esercito ucraino è rimasto ucciso e altri due feriti in un agguato a una base militare alla periferia di Sinferopoli durante il quale sarebbe rimasto ucciso anche un membro della brigata di difesa – filorussa – della Crimea.

Il ministero della Difesa ucraino ha autorizzato i suoi militari in Crimea a utilizzare le armi per difendersi in seguito all’attacco.

Il premier ucraino Arseniy Yatsenyuk chiede la convocazione di negoziati internazionali per evitare che il conflitto precipiti: “Comprendiamo il movente – ha detto -. Oggi i rappresentanti dell’esercito russo hanno iniziato a sparare contro un membro delle forze armate ucraine e questi si devono considerare crimini di guerra”.

Durante la giornata sono circolate versioni contrastanti su quanto avvenuto. Secondo testimonianze alcuni uomini arrivati a bordo di due veicoli avrebbero assaltato la base con armi automatiche.

Domenica Russia e Ucraina avevano raggiunto un accordo per una tregua temporanea in Crimea.

“La tensione sale e sta diventando un gioco sempre più pericoloso – dice da Sinferopoli uno degli inviati di Euronews, Sergio Cantone -, già si parla di un passaggio da una fase politica a una fase diversa, più muscolare comunque”.