ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Volo scomparso, famigliari dei passeggeri minacciano sciopero della fame

Lettura in corso:

Volo scomparso, famigliari dei passeggeri minacciano sciopero della fame

Volo scomparso, famigliari dei passeggeri minacciano sciopero della fame
Dimensioni di testo Aa Aa

Pechino esclude che uno qualunque dei passegeri cinesi a bordo del volo della Malaysia Airlines scomparso l’8 marzo scorso sia implicato in un dirottamento o un tentativo di attentato. La verifica è stata svolta su domanda delle autorità malesi, dal momento che i due terzi dei passeggeri sono di nazionalità cinese.

Ancora una volta, l’attenzione degli inquirenti si concentra sul personale di bordo, in particolare sul pilota e il co-pilota. Chris Nissen, un amico del comandante Zaharie Ahmad Shah, dice di non riuscire a credere a un’azione deliberata da parte sua, conoscendo il suo carattere. “Sono convinto – aggiunge – che avrebbe fatto di tutto per proteggere la vita dei passeggeri”.

Esasperati dopo dieci giorni di vana attesa in un hotel di Pechino, i famigliari dei passeggeri oscillano tra dolore e rabbia. Accusano le autorità malesi di diramare informazioni contradditorie e minacciano uno sciopero della fame, se qualcuno non si deciderà a dire loro la verità.

Tra i pochi elementi confermati in questo mistero, c‘è che il velivolo, partito da Kuala Lumpur e diretto a Pechino, avrebbe invertito la rotta un’ora dopo il decollo.