ULTIM'ORA

Lettura in corso:

E-commerce, la cinese Alibaba verso la quotazione negli Usa


società

E-commerce, la cinese Alibaba verso la quotazione negli Usa

Ne ha fatta di strada Alibaba. Dalla creazione, avvenuta 15 anni fa nel monolocale del fondatore Jack Ma, il sito di e-commerce cinese si è trasformato in un impero da 140 miliardi di dollari.

Che ora annuncia di voler sbarcare a Wall Street con l’aiuto di sei banche, in quella che potrebbe diventare la più grande quotazione dai tempi di Facebook nel 2012.

Una mossa per riprendere slancio, dopo che nel 2013 la sua quota di mercato in Cina è calata di un punto percentuale al 45,1%.

“Il principale problema di Alibaba è che non sta dominando nel commercio elettronico mobile”, spiega Zhang Chenhao di Gold Sand.

“Le aziende con cui lavora, come l’applicazione di messaggistica Line, non hanno realmente portato una svolta. Devono trovare una soluzione a questo problema”, aggiunge.

Altrimenti Alibaba potrebbe presto vedersi raggiunta dai tanti concorrenti che vogliono la sua corona. Ad esempio JD.com, meglio posizionata sul settore mobile grazie alla partnership con il gigante dei social media Tencent, sviluppatore della popolare applicazione “WeChat”.

A questo si aggiunge la fuga dalla sua piattaforma elettronica di molti marchi famosi, come Nike o Gap, che hanno scelto di aprire dei negozi di e-commerce per conto loro.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

società

Vendita di SFR, strada spianata per Numericable