ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crimea: referendum sull'annessione alla Russia

Lettura in corso:

Crimea: referendum sull'annessione alla Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

A meno di tre settimane dalla presa di controllo delle istituzioni della Crimea da parte di uomini armati, che hanno insediato un governo pro-russo, un referendum sull’annessione alla Russia deciderà il futuro della penisola.

Due le domande cui i cittadini sono chiamati a rispondere:

«Sostenete la riunificazione della Crimea alla Federazione russa» e «Sostenete il ripristino della Costituzione della Crimea del 1992?».

La Costituzione del 1992, adottata dopo la fine dell’Unione Sovietica, ma presto abolita, prevedeva per la Crimea lo status di Stato indipendente all’interno della repubblica ucraina.

Oggi la Crimea è una repubblica autonoma, ha la propria Costituzione, il suo parlamento e un governo.
Piccolo dettaglio, deve sottoporre le proprie decisioni all’approvazione del governo centrale.

Non c‘è stata una campagna in favore della riunificazione alla Russia, probabilmente non c‘è stato neppure il tempo. Ma sull’esito non ci sono dubbi.

Con risultato favorevole all’annessione, la Crimea sarà dichiarata stato indipendente e sovrano.

Il parlamento russo, dal canto suo, esaminerà il 21 marzo un disegno di legge che permetterà di
incorporare nella Federazione un territorio appartenente a uno Stato terzo.