ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Turchia s'infiamma nel giorno dei funerali di una vittima di Gezi Park

Lettura in corso:

La Turchia s'infiamma nel giorno dei funerali di una vittima di Gezi Park

Dimensioni di testo Aa Aa

Un’ondata di rabbia ha scosso la Turchia dopo la morte di Berkin Elvan, 15 anni, un giovane alevita di Istanbul ferito durante una manifestazione di Gezi Park in giugno, in coma da nove mesi.

È diventato il simbolo della repressione subita allora dai giovani turchi ostili al premier Recep Tayyip Erdogan. Migliaia di persone sono scese in piazza in tutto il Paese in segno di lutto, di solidarietà con la famiglia e di protesta

“Un sacco di ragazzini sono stati ammazzati. Nessuno di noi vuola la violenza, ma questi impediscono alla gente di protestare. Qui nessuno è venuto per battersi con la polizia”, dice un giovane.

Oltre 150 persone sono state arrestate in tutto il Paese.

Berkin è il settimo giovane morto a causa delle violenze della polizia durante le grandi proteste di Gezi Park, che avevano fatto anche 8mila feriti. Era uscito di casa il 16 giugno per comprare il pane per il pranzo. Non è mai tornato. Per i manifestanti non è stato un incidente. È stato assassinato e il mandante è il premier Recep Tayip Erdogan.