ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

CeBit, la fiera stagnante

Lettura in corso:

CeBit, la fiera stagnante

Dimensioni di testo Aa Aa

L’edizione 2014 del CeBit è in corso alla Messe di Hannover, Germania. Siamo lontani dagli anni in cui il CeBit era un’ importante vetrina di annunci per tutte le aziende impegnate nel settore dell’ICT e questo nonostante gli illustri ospiti. La fiera, per quanto ancora molto frequentata ha ridotto la portata internazionale che l’aveva caratterizzata.

Tra le poche aziende con una presenza significativa al CeBit segnaliamo la taiwanese MSI, il gigante del software tedesco SAP che propone soluzioni che implementano le performance del calciatori grazie alla sua piattaforma HANA.

Oliver Bierhoff, manager della nazionale tedesca: “Ci sono sempre le decisioni personali dell’allenatore. Ci sono sempre i calciatori che sconfessano le statistiche come accade in altri sport. Questo è solo uno strumento. Nè i computer nè il software possono fare goal o prendere decisioni. Servono a far prendere le decisioni giuste”.

Anche se questa volta la fiera si concentra sul pubblico degli addetti ai lavori non ci si dimentica del cliente finale. Microsoft e Intel propongono agli utenti un computer a doppio uso che si distanzia dai tablet Apple e Android.

La casa automobilistica AUDI espone il suo sistema di guida semi autonomo “James 2025”.

La Samsung incentiva il settore medico con Hello Mum e cioè una macchina agli ultrasuoni che consente alle gestanti di condividere le immagini dell’ecografia in 3D con le loro famiglie.

Tim Biersa, Product-Manager di Samsung Electronics:
“E’ una soluzione per le pazienti delle ostetriche che rende accessibili le immagini agli ultrasuoni subito dopo l’esame. E’ un sistema innovativo che permette di evitare la stampa dell’ecografia o di farne un cd”.

In tutto sono 3400 gli espositori del CeBit di quest’anno. La prossima edizione confermerà la stagnazione della fiera?