ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Vampiri e mostri a Fantasporto, Festival del cinema di Porto.


Cultura

Vampiri e mostri a Fantasporto, Festival del cinema di Porto.

Gli Zombi vincono sui Vampiri? Cosi’ pare a Fantasporto, Festival Internazionale del Cinema di Porto, grazie a « Miss Zombie » del regista giapponese Hiroyuki Tanaka, detto Sabu, che si aggiudica il premio piu’ importante di questa competizione dei film fantasy.

Lontano dai sanguinosi classici di George A. Romero, in questo film sugli zombi le cose sono sconvolte dall’arrivo di una intrusa.

Parlano i membri della giuria….

Vassilis Mazomenos, regista:
« Il vincitore ha presentato la pellicola migliore. Notevole sul piano della prospettiva, dell’azione cinematografica, la regia, un film unico”.

Mário Dorminsky, Direttore del Festival:
« Quest’anno il festival è stato diverso dagli altri anni perchè si è concentrato di piu’ sul fantastico. Nella settimana dei registi abbiamo collocato i fim di migliore qualità cinematografica, una sezione dedicata ai cinefili”.

Rui Moreira, Sindaco della città di Porto:
« Per la Città di Porto è una cosa molto importante. In futuro continueremo a coltivare questo festival perchè il solo fatto di vedere questa sala piena fino a tardi ogni sera ci mostra che il pubblicio è quello dei cinefili che sono selettivi, è un fattore da salvaguardare”.

Il festival alla sua 34esima edizione ha incassato ben 11 debutti nazionali ed europei. Diversi registi da tutto il mondo vengono qui a presentare le loro opere prime.

E’ il caso dello svizzero Olivier Beguin che ha vinto il premio speciale della giuria per il suo “Chimere”.

Il ruolo protagonista, interpretato dal francese Yannick Rosset, è quello di un uomo che diventa vampiro dopo aver ricevuto una trasfusione in Romania.

Olivier Beguin, regista:« Volevo fare un film fantastico, credo che l’idea fosse di girare un film di mostri e vampiri piu’ adeguati a quello che volevo realizzare ed adeguato al budget. Non potevamo girare Godzilla, non ne avevamo i soldi e questo è stato il punto di partenza”.

Yannick Rosset, attore:
« Quando si guarda nello specchio vede un essere violento, pieno di sangue, una cosa animale, ma nella realtà è solo malato, stanco, ferito e questa era la cosa che mi interessava di piu’”.

Il festival premia anche film che non sono di genere fantasy.

Il premio della critica, dato dai giornalisti presenti al festival, è andato al film turco ucraino « Love Me ». La storia toccante fra stranieri che non hanno una lingua di scambio comune. Il fim è diretto dall’ucraina Maryna Gorbach e il turco Mehmet Bahadir Er.

«Isteni mûszak» è una commedia dark dell’ungherese Márk Bodzsár, che ha vinto la sezione della settimana dei registi.

Márk Bodzsár, registi:« Questo premio è importante per me perchè si tratta del mio primo film ed è il secondo premio che riceve dopo averne avuto uno in Lussemburgo».

Se il sangue abbonda sullo schermo i bicchieri erano riempiti di vino Porto, un’ occasione per raccontare la seconda città del Portogallo.

Ricardo Figueira, euronews:
« I vampiri non fanno piu’ paura a nessuno e infatti ritornano in questa città. Porto diventa un passaggio obbligato nel circuito dei festival cinematografici fantasy europei. Quest’anno Fantasporto ha ripresentato le sue novità, opere prime e debutti europei”.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
A passo di krump

generation-y

A passo di krump