ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina spaccata in una domenica di manifestazioni contrapposte

Lettura in corso:

Ucraina spaccata in una domenica di manifestazioni contrapposte

Dimensioni di testo Aa Aa

Da un lato Taras Chevtchenko, poeta simbolo dell’indipendenza ucraina. Dall’altra l’eterna sagoma di Lenin. Tutto nella stessa città, quella Simferopoli cuore della Russia nella Crimea ucraina, ucraina almeno fino prossimo 16 marzo, poi si vedrà. Un centinaio di sostenitori dell’indipendenza di Kiev sono scesi in piazza attorno alla statua di Chevtchenko. Una grande manifestazione filo-russa si è invece tenuta accanto al simbolo sovietico per eccellenza.

Ma domenica è stato un giorno di grandi manifestazioni in tutta l’Ucraina. A partire da Donetsk, roccaforte dell’Est russofono e città natale di Yanukovich, dove il tentativo di organizzare una piccola manifestazione in favore dell’avvicinamento tra Kiev e l’Europa è naufragato.

Ma il raduno più imponente è stato tuttavia quello di Maydan durante il quale ha preso la parola Mikhail Khodorkovsky, l’ex-oligarca simbolo dell’opposizione a Putin pagata con un decennio di carcere. “Il potere russo ha dato appoggio alla repressione a Kiev” ha detto davanti alla folla che gridava “via la Russia”.