ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parigi: la donna di Dior lavora e sogna

Lettura in corso:

Parigi: la donna di Dior lavora e sogna

Dimensioni di testo Aa Aa

Nell’elegante cornice dell’Opéra Garnier è andato di scena lo sportwear sofisticato di Stella McCartney. La donna che la stilista britannica ha portato alla settimana della moda parigina è dinamica, veste scarpe basse e capi comodi, qualche volta impreziositi da ricami.

Le modelle della sua collezione autunno-inverno 2014-2015 hanno sfilato avvolte da abiti asimmetrici in tweed e maglia.

“Energia e spirito vitale vengono tradotti nel tessuto”, così la stilista racconta la sua collezione.

Al Museo Rodin è andato di scena lo show della maison francese Christian Dior, che ha svelato una donna dal duplice volto.

Può essere forte, concreta, lavoratrice, sexy nei colorati tailleur con pantaloni.

Può essere dolce e romantica: una principessa dei tempi moderni.

Kenzo ha reinterpretato l’universo horror e onirico delle pellicole di David Lynch. Nella scenografia della sfilata si è visto il tocco del regista stesso, con le modelle che si sono mosse davanti ad una scultura che richiamava il mostruoso bambino di “Eraserhead – La mente che cancella”, primo lungometraggio di Lynch, datato 1977, che ha fatto la storia del cinema.

Uno show a cui anche il creatore del brand, il 75enne Kenzo Takada, ha voluto presenziare.