ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: Yanukovich, illegittimo nuovo potere

Lettura in corso:

Ucraina: Yanukovich, illegittimo nuovo potere

Dimensioni di testo Aa Aa

“Sono io il Presidente legittimo dell’Ucraina”: ha esordito così Viktor Yanukovich, in una conferenza stampa a Rostov sul Don, nella Russia meridionale.
Ha accusato il potere attuale – illegittimo, ha detto, perché basato su decisioni prese dal Parlamento sotto la minaccia delle armi -.
E da Presidente legittimo, ha spiegato, non può lasciare il Paese al suo destino:

“È venuto il momento di dire che continuerò la lotta per il futuro dell’Ucraina. Contro quelli che tentano col terrore di trascinarla nel caos”.

Yanukovich ha detto che la soluzione è il rispetto dell’accordo firmato il 21 febbraio con i rappresentanti delle opposizioni parlamentari e tre Ministri degli Esteri europei. È sconvolgente – ha sottolineato – che i mediatori internazionali ora non dicano nulla sul mancato rispetto di quell’accordo, che prevedeva che l’opposizione rendesse le armi e sgomberasse la piazza. Ma non ha accusato solo i Ministri francese, tedesco e polacco, che erano giunti a Kyev per negoziare quell’accordo: accusa anche gli Stati Uniti, quando parla di un Occidente che ha aiutato Maidan e porta quindi sulle proprie spalle la responsabilità del caos.