ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Renzi, dopo l'ok per pochi voti al Senato chiede lil sì Camera

Lettura in corso:

Renzi, dopo l'ok per pochi voti al Senato chiede lil sì Camera

Renzi, dopo l'ok per pochi voti al Senato chiede lil sì Camera
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la maratona al Senato, è già tempo di fare il bis alla Camera. Questa volta, però, l’inizio del dibattito è stato poco dopo le 10 e Matteo Renzi, dunque, dovrebbe ottenere entro sera quella fiducia che a Palazzo Madama è arrivata a notte ormai iniziata, con 169 voti a favore. Quattro in meno di quelli conquistati da Enrico Letta nella verifica di dicembre, dopo la fuoriuscita di Forza Italia dalla maggioranza. Invariati i consensi da Pd (107), Nuovo centro destra (31), Scelta civica (8), Per l’Italia (11). Solo un voto è arrivato da Gal, contro i 3 del precedente esecutivo, 11 invece di 12 dalle Autonomie (assente Elena Cattaneo). Hanno pesato, poi, le assenze di alcuni senatori a vita.

Numeri risicati, che fanno temere un percorso a ostacoli per il nuovo governo al Senato. Un più ampio consenso è atteso a Montecitorio. Nonostante qualche mal di pancia interno al Pd, il voto favorevole a Renzi dovrebbe essere compatto nel partito di maggioranza relativa. Compresi i “civatiani”, i più critici verso la manovra che ha portato l’ormai ex sindaco di Firenze a Palazzo Chigi e verso il nuovo governo definito “un rimpasto dell’esecutivo Letta”.

Le opposizioni più consistenti sono quelle del Movimento 5 stelle e di Forza Italia. La prima più intransigente, la seconda fa intravedere spiragli.

“Staremo a vedere” ha affermato Maria Mussini, senatrice del movimento creato da Beppe Grillo. Tanti sogni, tante chiacchiere. Il tema più rilevante è che non ha fatto il minimo accenno a una seria fonte di coperture per tutti questi bei sogni”.

Paolo Romani sostiene che Forza Italia ha detto a Renzi che “siccome l’innovazione che tu vuoi introdurre in politica è importante e, per certi versi, possiamo condividerla, saremo opposizione leale, costruttiva e responsabile”.