ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, sfondamento dei migranti nell'enclave di Melilla

Lettura in corso:

Spagna, sfondamento dei migranti nell'enclave di Melilla

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono un centinaio i migranti che sono riusciti a penetrare nell’enclave spagnola di Melilla.
Ancora una volta si è trattato di un assalto di massa, tentato da alcune centinaia di persone, pare mezzo migliaio. Un tentativo di sfondamento, come accaduto già in passato, molto rapido e violento: i migranti hanno usato sassi e bastoni contro le guardie di frontiera marocchine, che hanno dovuto chiedere l’aiuto della Guardia Civil spagnola.
Almeno una quindicina i feriti. Lunedì scorso ne erano riusciti ad entrare 150, dopo un assalto simile alla doppia barriera di filo spinato che cinge Melilla.

All’inizio del mese invece, nell’altra enclave di Ceuta, i migranti tentarono lo sfondamento via mare: l’improvvisato natante affondò, decine di persone tentarono quindi di raggiungere la costa a nuoto e la Guardia Civil sparò pallottole di gomma. Secondo il governo spagnolo, gli agenti spararono in acqua per tracciare una sorta di barriera da non valicare, e non sui migranti. Ma alcuni non sapevano nuotare, furono presi dal panico e annegarono. Una quindicina i morti, l’Unione europea ha chiesto spiegazioni a Madrid.