ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il giorno dopo la fuga del presidente Maidan non smobilita

Lettura in corso:

Il giorno dopo la fuga del presidente Maidan non smobilita

Il giorno dopo la fuga del presidente Maidan non smobilita
Dimensioni di testo Aa Aa

Il giorno dopo la fine del regime, a Kiev, Maidan è ancora piena di gente che si aggira come per convincersi che è tutto vero e che il presidente è davvero scappato dalla capitale.

Neanche i gruppi di autodifesa hanno abbandonato la piazza che è stata il teatro della seconda rivoluzione ucraina.

I 64 dimostranti che erano ancora in carcere con l’accusa di violenza sono stati rilasciati nella mattinata.

“La mia opinione è che non dobbiamo distruggere le barricate fino a quando non avremo sostituito tutte le autorità – dice una donna – non dovremmo abbattere le barricate in nessun caso, la bestia è ferita, ma non sappiamo quale sarà il suo colpo di coda.”

“Solo oggi arrivando qui da Lviv, mi sono resa conto di quanto sia stato spaventoso – dice una donna – È molto triste se pensiamo che questo spargimento di sangue è stato permesso dalle autorità che noi stessi in passato abbiamo applaudito e votato.”

Il pensiero di tutti è rivolto a quegli 82 morti provocati dai disordini.

Il ministero della salute ucraino ha fornito proprio oggi il bilancio ufficiale degli scontri: 82 morti e 645 feriti, di cui oltre 400 ancora in ospedale.