ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina, nell'inferno di Kiev il personale medico tenta di salvare vite

Lettura in corso:

Ucraina, nell'inferno di Kiev il personale medico tenta di salvare vite

Dimensioni di testo Aa Aa

Olesya Zhulovska ha visto la morte in faccia, ma ora è quasi fuori pericolo. Ventun anni, infermiera volontaria, è lei stessa ad annunciare la notizia su twitter a quanti le sono rimasti vicino: “Sono viva – ha scritto – grazie a tutti coloro che mi sostengono e che pregano per me. Al momento, le mie condizioni sono stabili”.

Giovedì verso mezzogiorno, si trovava tra via Institutskaya e piazza dell’Indipendenza, quando è stata raggiunta da un proiettile al collo. Pur perdendo molto sangue, è riuscita a inviare un tweet che forse le ha salvato la vita. Trasportata in ospedale, è stata subito operata.

Euronews ha parlato telefonicamente con Oley Musiy, responsabile del dipartimento dove è ricoverata: “Quando l’avremo trasferita dalla rianimazione a una stanza normale, spero che potrà portare a termine il trattamento in questo ospedale e che potremo di conseguenza sciogliere la prognosi. Dobbiamo ricordare che è stata ferita gravemente. Ciò che abbiamo constatato nel suo caso, come in quello di altre persone uccise ieri, i cui corpi sono stati trasportati nel reparto di patologia, è che nel 70 o 80 per cento dei casi, si è trattato di ferite da arma da fuoco. I proiettili hanno attraversato la testa o la nuca”.

Sono oltre 1.500 i medici, gli infermieri e i volontari che lavorano presso il servizio medico di Maidan dal primo dicembre scorso. Fanno turni di 8 e 10 ore nei setti ospedali da campo installati in prossimità della piazza. Qui ci troviamo vicino all’Ufficio postale, riconvertito in un centro per la cura dei pazienti.

Un dottore: “E’ dalle 8 e mezza di questa mattina che hanno iniziato a portare qui i cadaveri. Quasi tutti sono stati colpiti alla testa, i proiettili sono passati da una parte all’altra. Qui intorno a noi ci sono i corpi di dieci persone. Due erano ancora in vita quando le hanno portate fin qui, ma per loro non c‘è stato niente da fare”.

L’ingresso dell’hotel Ukraina è stato adibito a pronto soccorso. Fuori imperversano i cecchini e qui continuano ad affluire persone con ferite da arma da fuoco. Il personale medico è stato colto di sorpresa. Natalia: “Lavoro in un grande ospedale e sono abituata a vedere molti casi, ma qui siamo nel panico. Non ho mai visto una cosa del genere e spero di non vederla mai più in vita mia”.

Dall’inizio della crisi a Kiev, una ventina di operatori sanitari sono stati attaccati deliberatamente dalle unità speciali della polizia. Cinque di loro sono stati feriti gravemente – tre con proiettili di gomma e due con munizioni convenzionali – mentre evacuavano i morti e i feriti.