ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da albergo a ospedale e camera ardente. Viaggio nell'Hotel Ukraina

Lettura in corso:

Da albergo a ospedale e camera ardente. Viaggio nell'Hotel Ukraina

Dimensioni di testo Aa Aa

Fino a pochi mesi fa l’Hotel Ukraina era uno degli alberghi più noti di Kiev. Oggi è un ospedale improvvisato, ma soprattutto una camera ardente.

È qui che vengono ricoverati i feriti ed è qui che si rifanno sotto le voci secondo cui ci sarebbero cecchini fra i poliziotti. Il racconto di una donna: “Un proiettile ha colpito mio nipote al cuore. Adesso lui giace qui per terra, in una pozza di sangue”.

Non sembrano ferite casuali. Secondo una dottoressa sono troppo precise per essere casuali: “Abbiamo 12 morti tutti colpiti da cecchini professionisti. Sono stati colpiti direttamente al cuore. A volte dalle spalle. E alcuni con precisi colpi all’arteria coronarica”.

Ma i feriti sono talmente tanti – dice Sergio Cantone – uno dei nostri corrispondenti a Kiev – che una parte di loro vengono smistati anche in ospedali di altre città del paese, con trasporti organizzati in pullman durante la notte, da medici e volontari.