ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Facebook, 19 miliardi di dollari per WhatsApp

Lettura in corso:

Facebook, 19 miliardi di dollari per WhatsApp

Dimensioni di testo Aa Aa

Un matrimonio da 19 miliardi di dollari concepito in meno di due settimane: Facebook compra WhatsApp e Mark Zuckerberg, a tre mesi dal suo trentesimo compleanno, si regala uno degli ultimi gioielli prodotti dalla Silicon Valley.

Non ha badato a spese. Soltanto la scorsa primavera la rivale Google avrebbe offerto 1 miliardo di dollari per quest’applicazione di messaggistica per smartphone che, ad oggi, vanta 450 milioni di utenti attivi e 50 miliardi di messaggi in transito sui suoi server ogni giorno.

Numeri che presto potrebbero significare il prepensionamento degli sms tradizionali (21 miliardi al giorno, quest’anno, secondo Deloitte).

“È un mercato molto effervescente in questo momento, sono tante le app per chattare spuntate negli ultimi tempi. C‘è WeChat in Cina, c‘è Line in Giappone e altre parti dell’Asia”, spiega Tim Bradshaw, redattore tecnologico del Financial Times.

“Ma WhatsApp è di gran lunga la più famosa, il che spiega perché Facebook ha pagato un prezzo così alto”, aggiunge.

Non certo per la sua profittabilità: l’applicazione non monetizza tramite pubblicità e chiede solo 1 dollaro all’anno dopo i primi 12 mesi.

Facebook, tra l’altro, aveva già un suo servizio di messaggistica simile, il quale però non ha avuto evidentemente altrettanto successo.

E allora “Se non puoi batterlo, compralo”, spiegano gli esperti, con Zuckerberg che così facendo agguanterà quelle nuove generazioni secondo cui Facebook è già diventato “roba da vecchi”.