ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Corea del Nord, famiglie si ricongiungono dopo sessant'anni

Lettura in corso:

Corea del Nord, famiglie si ricongiungono dopo sessant'anni

Dimensioni di testo Aa Aa

Riabbracciarsi dopo sessant’anni. Centinaia di sudcoreani hanno potuto ricongiungersi giovedì con i loro parenti in Corea del Nord. Molti sono anziani, separati dai propri cari nel 1953, al termine del conflitto che spezzò la penisola coreana in due.

Alcuni in sedia a rotelle, hanno attraversato uno dei confini più militarizzati del mondo per rivedere, come l’ottantenne Jang Choon, un fratello minore che nel loro ultimo incontro non aveva neanche cominciato la scuola.

O come Lee Chang-joo, arrivata dal sud per conoscere il nipote oggi quarantacinquenne che vive al nord: “Ci tenevo così tanto a rivederti”, gli dice la donna tra le lacrime. “Non ho mai conosciuto mia madre, e mia sorella è stata come una madre per me”.

La Corea del Nord è al centro della tempesta dopo la pubblicazione del rapporto delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani all’interno del Paese.

Gli incontri di queste famiglie, che non avvenivano dal 2010 a causa delle tensioni tra le Coree, sarebbero stati concessi da Pyongyang in cambio di generi alimentari, necessari per la sopravvivenza di un popolo ormai alla fame.