ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: i manifestanti accusano il governo

Lettura in corso:

Ucraina: i manifestanti accusano il governo

Dimensioni di testo Aa Aa

In piazza si consolidano le barricate in attesa di un’altra notte di volenze: tra i manifestanti c‘è un’organizzazione quasi militare, le pietre da lanciare sulla polizia sono pronte e visibili, ma migliaia di persone con gli scontri non c’entrano nulla. E accusano il governo:

“È una provocazione, è evidente. Le autorità sono responsabili di questa provocazione. Siamo testimoni. Noi eravamo lì, e non siamo certo estremisti, non abbiamo niente in mano. Perché l’hanno fatto? La polizia l’ha fatto soltanto per giustificare l’assalto a piazza Maidan. Perché ne hanno paura”.

Per i manifestanti una cosa è sicura: non è finita.

“La polizia non attacca di giorno, ma siamo sicuri che attaccheranno ancora stanotte. Loro vogliono disperdere la folla e liberare la piazza. La nostra protesta è pacifica ma cosa possiamo fare? Dobbiamo difenderci perché ci sono delle donne, qui, e molti attivisti feriti.”

Nella serata di martedì, e durante tutta la nottata, gli agenti anti-sommossa hanno prima lanciato granate assordanti e poi tentato l’assalto alla piazza. È stata una battaglia che ha fatto 26 morti. Un terzo sono agenti di polizia.