ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela: governo oscura siti informativi ostili, ma tende la mano all'opposizione

Lettura in corso:

Venezuela: governo oscura siti informativi ostili, ma tende la mano all'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Mediaticamente parlando il Venezuela è diventato un’isola. Oscurate le immagini su twitter, oscurati i canali d’informazione stranieri critici col governo, soprattutto quelli colombiani. Tutto nel tentativo di soffocare le proteste che questa settimana hanno fatto tre morti a Caracas e decine di contusi. Ma il governo di Nicolas Maduro, il presidente subentrato allo scomparso Hugo Chavez, oltre a minacciare, cercerchebbe anche l’accordo con l’opposizione e avrebbe offerto un piano di pace. Alla tavola rotonda dovrebbe partecipare anche Hugo Capriles, ex candidato alla presidenza per l’opposizione.

Secondo alcuni osservatori però, si tratta solo di un tentativo per spaccare l’opposizione e cercare di offuscare la stella di Leonardo Lopez, leader radicale che in queste ore ha ottenuto enorme visibilità, a danno dello stesso Capriles.

La comunità internazionale invita al dialogo anche se regime e opposizione si confrontano anche all’estero. A Buenos Aires, in Argentina, pro e contro Maduro manifestano separati da un cordone di poliziotti.