ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Hacker e governi, Bitcoin sotto assedio


società

Hacker e governi, Bitcoin sotto assedio

Settimana impegnativa per Bitcoin. La più celebre delle valute elettroniche è finita nel mirino di due gruppi molto diversi tra loro: gli hacker da una parte e i governi dall’altra.

Partiamo dai primi, riusciti, con una serie di attacchi informatici, a interrompere i servizi di almeno due piattaforme, una in Giappone e l’altra in Slovenia.

‘Nessun furto’, si sono affrettati a dire dalla fondazione BitCoin, ma molte transazioni sono bloccate e gli utenti non possono ritirare.

A questo si aggiunga il giro di vite promesso da numerose autorità e si capirà come la già volatile moneta virtuale, da gennaio, abbia potuto perdere il 32% del suo valore.

La Russia, secondo Paese in termini di download del software di gestione, starebbe pensando di vietarli. La Cina ne ha messo il bando l’utilizzo all’interno delle istituzioni finanziarie. Gli Stati Uniti, lo Stato di New York per la precisione, pensano ad una sorta di licenza.

I promotori di BitCoin, però, non mollano e questa settimana festeggiano l’esordio (seppur molto limitato) sul sito britannico di eBay.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

società

Difetto al motore ibrido, Toyota richiama quasi due milioni di Prius