ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sochi 2014: i grandi favoriti dei XXII Giochi Olimpici Invernali

Lettura in corso:

Sochi 2014: i grandi favoriti dei XXII Giochi Olimpici Invernali

Dimensioni di testo Aa Aa

Benvenuti alla nostra rubrica olimpica. Da sabato, per 16 giorni si terranno i Giochi Olimpici Invernali di Sochi, con gli atleti che si contenderanno le medaglie in palio. In questa prima puntata andiamo a conoscere i grandi favoriti della vigilia.

Il candidato principale a diventare “il Michael Phelps di Sochi” è Martin Fourcade. Il 25enne francese ha dominato letteralmente le ultime due stagioni di biathlon. Due volte vincitore della Coppa del Mondo, il 5 volte Campione iridato punterà a una medaglia in ogni singola gara. Ma attenzione ai suoi rivali, dal giovane e ambizioso team russo, agli esperti svedesi, passando per gli austriaci e gli onnipresenti norvegesi, tra i quali spicca la leggenda vivente Ole Einar Bjoerndalen. Il 40enne è ancora in grado di vincere un paio di medaglie e finire in bellezza la sua carriera.

Dalla leggenda del biathlon, a quella del pattinaggio di figura. Evgeni Plushenko è gia Campione Olimpico e due volte vice-campione. Dopo l’eccellente programma corto di giovedi’, il russo aspira a un’altra medaglia, nella competizione a squadre. Per poter sperare in una vittoria anche nell’individuale, pero’, Plushenko dovrà dare il massimo, provando a fare meglio di Yuzuru Hanyu, del tre volte Campione iridato Patrick Chan e del due volte Campione europeo Javier Fernandez. Le speranze di medaglia della Spagna sono tutte riposte in quest’ultimo.

Mentre la star Adam Malysz ha deciso di darsi ai raid, il team polacco di salto con gli sci ha un nuovo eroe. Si chiama Kamil Stoch ed è l’attuale leader della classifica di Coppa. Il 26enne si è imposto nei due salti, nell’ultima tappa prima delle Olimpiadi, a Willingen. Chi puo’ fermare Stoch nella sua corsa al sogno olimpico? Forse Simon Amman? Lo svizzero non era il favorito nel 2002 e nel 2010, ma è stato comunque in grado di prendersi due ori. La sua capacità di prepararsi al meglio per le sfide piu’ importanti potrebbe aiutarlo anche a Sochi.

La regina dello sci alpino Lindsey Vonn non parteciperà, per recuperare completamente dall’infortunio al ginocchio. La sua assenza mescola le carte in tavola, nella velocità. La leader ora è la nemica-amica della Vonn, Maria Hofl-Riesch. Due volte Campionessa Olimpica a Vancouver, la tedesca spera di aggiungere altre medaglie al suo palmares: in discesa, superG e supercombinata. Nel 2010 la Riesch ha conquistato l’oro anche nello slalom, ma a Sochi ci saranno altre contendenti in questa specialità. Tra tutte, la giovane stella americana Mikaela Shiffrin. La 18enne del Colorado ha già ottenuto grandi risultati, tra i quali il titolo mondiale e la coppa di specialità. E attenzione anche all’austriaca Marlies Schild.

Nella velocità, tra gli uomini, in poleposition per un titolo c‘è Aksel Lund Svindal. Il Campione Olimpico nel superG a Vancouver e attuale detentore del titolo iridato in discesa sa bene come volare sugli sci. Nelle discipline tecniche saranno invece altri a tenere il passo. Quasi scontata, a meno di un erroraccio o una sorpresa dell’ultimo minuto, è la vittoria nello slalom gigante di Ted Ligety. La persona da battere nello slalom è invece Marcel Hirscher, leader della generale di Coppa del Mondo. Hirscher in questa stagione ha anche vinto due tappe di slalom gigante, ma semplicemente perchè Ligety non è arrivato fino in fondo. E poi c‘è Hubertus von Hohenlohe, che ha partecipato alle Olimpiadi a Sarajevo ’84. Il messicano non ha mai vinto una medaglia, ma la sua lealtà agli ideali olimpici e il suo modo di vestirsi davvero insolito l’ha trasformato in uno dei simboli dei Giochi Invernali.

Il torneo maschile di hockey sul ghiaccio è la perla delle Olimpiadi e la finalissima nell’ultimo giorno di competizioni è un fiore all’occhiello. Ci si aspetta un altro round della sfida tra Russia e Canada, guidate dalle star NHL Ovechkin, Crosby, Malkin, Toews, Datsyuk e Nash. Ma se queste squadre si dovessero far coinvolgere troppo in questa battaglia infernale, rischieranno di farsi prendere alla sprovvista dalle altre pretendenti, come Svezia, Finlandia, Repubblica Ceca e Stati Uniti.

Questa è solo una piccola parte del programma che Sochi offrirà agli appassionati. Belle ed emozionanti sfide andranno in scena nel bob e nello slittino, nello snowboard e nel freestyle, nel pattinaggio di velocità e nello short track. Ci aspettano 16 giorni davvero pieni di emozioni sportive. Non perdeteveli e restate sintonizzati con noi.