ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un thriller francese

Lettura in corso:

Un thriller francese

Dimensioni di testo Aa Aa

Poliziotti a Tolone Simon e Franck stanno rientrando a casa quando sono protagonisti di un terribile incidente d’auto, che causa due vittime (tra cui un bambino). Mentre Franck ne esce illeso, Simon – che era alla guida e sotto gli effetti dell’alcol – rimane ferito. A causa di quanto accaduto, Simon perde ogni cosa, compresi lavoro e moglie, e per sei anni diventa trasportatore di denaro mentre tenta di far da padre al figlioletto Theo. Un giorno, Theo è testimone di un regolamento di conti mafioso e la sua vita viene messa in pericolo. E’ il plot di Mea Culpa (titolo originale).

Fred Cavayé, regista: “Non ho cercato d’imitare il cinema americano, questo è un film francese, che si avvicina ai generi anglosassoni ma che ha affinità anche col cinema coreano, tuttavia alla base è veramente una storia con personaggi in fuga per buone ragioni”.

Per proteggere il figlio Simon sarà disposto a tutto, anche a riformare coppia con Franck e ritornare sugli errori commessi.

Gilles Lellouche, attore: “Vincent ha un ritmo assoluto, nel senso che quando lavori con lui incalza un ritmo che fa nascere naturalmente il dialogo e i tempi si adattano alla verità”.

Gilles Lellouche, attore: “E’ un attore al momento in cui gira un film e lo fa al 2000%, ogni secondo della pellicola. Ti trovi davanti a una generosità nel suo gioco, come l’ho appena spiegato, alla fine non è piu’ un gioco”.

Vincent Lindon, attore:
“Mi piace molto come parla, è ottimo. Esattamente quello che si vuole sentir dire, le sue frasi planano sulla mia pista d’atterraggio esattamente come richiesto e rilancia allo stesso modo; sono uscito dalla macchina, sono andato dal regista, gli ho dato una pacca sulla spalla, ha tolto la cuffia e gli ho detto fantastico”.

Qua al posto di due superoi americani ci sono due tizi normali che sono in lotta con una gang mafiosa.

“Mea culpa” è in distribuzione in Francia e Belgio