ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parte con focus sull'Ucraina la conferenza di Monaco

Lettura in corso:

Parte con focus sull'Ucraina la conferenza di Monaco

Dimensioni di testo Aa Aa

Il dibattito sul futuro dell’Ucraina si sposta a Monaco, dove è arrivato anche l’ex campione di pugilato Vitali Klitschko, in occasione dell’avvio della conferenza mondiale sulla sicurezza.

Un’occasione per coinvolgere maggiormente Europa e Stati Uniti nelle vicende che hanno sconvolto Kiev nelle ultime settimane.

Le sanzioni, secondo Arseniy Yatsenyuk, leader del partito Patria, “ sono lo strumento perfetto per convincere il governo ad attenersi agli standard di democrazia, non della dittatura”.

Ma tra i Paesi più vicini all’Ucraina c‘è chi la pensa diversamente.Come il ministro degli Esteri polacco, Radek Sikorski, per il quale “le sanzioni tendono a essere la fine della politica e siamo in una situazione in cui il presidente dell’Ucraina ha fatto importanti concessioni all’opposizione. I negoziati tra governo e opposizione continuano e noi faremo di tutto per incoraggiarli a trovare un compromesso”.

L’Ucraina arriva a quest’appuntamento con un governo dimissionario. Particolarmente interessata a che se ne insedi al più presto uno nuovo la Russia, che chiede stabilità al suo ex satellite per attuare il piano di sostegno che prevede l’acquisto di titoli del Tesoro per 2 miliardi di dollari.

L’Ucraina si è ritrovata in cima all’agenda della conferenza sulla sicurezza di Monaco, ma nei prossimi giorni ci sarà grande attenzione per Iran, Siria e Medio Oriente.