ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico: milizie civili di autodifesa contro il crimine

Lettura in corso:

Messico: milizie civili di autodifesa contro il crimine

Dimensioni di testo Aa Aa

La lotta contro il crimine organizzato diventa un affare privato in Messico. Il governo ha deciso di legalizzare almeno 8 gruppi di autodifesa civile formatisi nella regione occidentale di Michoacan.

L’accordo firmato a Tepalcatepec decreta l’affiliazione di questi gruppi ai Corpi di difesa rurale, il che significa che i suoi membri potranno svolgere attività di sorveglianza e polizia municipale, ma dovranno anche far registrare le proprie armi in uno speciale registro del ministero della difesa.

La notizia dell’accordo arriva a in concomitanza con l’arresto di un importante signore della droga, Dionicio Loya Plancarte, detto “El tio”, che è uno dei capi del cartello cosiddetto dei Cavalieri templari, proprio il gruppo mafioso contro cui si erano costituite le prime milizie di autodifesa del Michoacan un anno fa.

Il Michoacan è la prima regione ad aver visto l’arrivo dell’esercito, mandato nel 2006 dall’ex presidente Felipe Calderon per lottare contro i narcos.

Una politica che non ha portato alcun frutto tangibile, da qui la decisione della popolazione locale di fare da sé.