ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: Morsi in aula "sono io il presidente", ucciso un generale al Cairo

Lettura in corso:

Egitto: Morsi in aula "sono io il presidente", ucciso un generale al Cairo

Dimensioni di testo Aa Aa

Mohamed Morsi come Hosni Mubarak. Mentre il maresciallo Abdel Fatah al Sisi corre verso la presidenza dell’Egitto, l’ex Presidente deposto viene condotto – ripreso dalla tv di Stato – di fronte a un tribunale.

È accusato di aver ricevuto l’aiuto di Hamas per evadere del carcere nel 2011 e di aver causato la morte di diversi agenti di polizia penitenziaria.

“Abbasso i militari, sono io il presidente”, ha gridato ai giudici che potrebbero condannarlo alla pena di morte.

All’esterno dell’accademia di polizia al Cairo, le due anime dell’Egitto continuano a darsi battaglia. Nel segno degli attentati jihadisti contro le forze armate è stato ucciso un consigliere del ministro dell’Interno.

Potrebbe essere la risposta alla repressione condotta dall’esercito contro i Fratelli musulmani nel terzo anniversario della rivoluzione. Il 25 gennaio scorso oltre 60 persone sono state uccise negli scontri.

Il futuro del Paese diviso in due fazioni è nella mani di Abdel Fatah al Sisi. Il maresciallo, fresco di nomina, ha incassato l’invito del Supremo consiglio militare a candidarsi alla presidenza.

Con i Fratelli musulmani fuori gioco e la piazza dalla sua parte, sarà, a meno di clamorose sorprese, il prossimo capo di Stato.