ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

The Corner: torna la coppia d'oro Eto'o-Mou, inizia l'era Seedorf al Milan

Lettura in corso:

The Corner: torna la coppia d'oro Eto'o-Mou, inizia l'era Seedorf al Milan

Dimensioni di testo Aa Aa

Benvenuti a “The Corner”, l’appuntamento settimanale della rubrica sport di euronews. Nella seconda puntata di questo nostro viaggio nel calcio europeo, vedremo cos‘è successo in Premier League e in Eredivisie; come è cambiata la classifica della Liga spagnola con i pareggi delle due big; vedremo com‘è cominciata l’era Seedorf al Milan e termineremo con la caduta del Bayern Monaco in amichevole.

Premier League

Iniziamo dall’Inghilterra e dalla debacle del Manchester United, che crolla allo Stamford Bridge. E’ la serata di Samuel Eto’o, che, esattamente come ai tempi dell’Inter del triplete, fa la gioia del suo allenatore, José Mourinho, al centesimo successo in Premier. Tre, le reti del camerunese, che si rifà cosi’ di un inizio stagione finora deludente. Lo United, privo delle sue punte Rooney e Van Persie, poco puo’ fare contro una squadra quasi sempre padrona del campo. A nulla serve il gol della bandiera di Chicharito. Finisce 3-1 per i Blues, con i Red Devils di Moyes sempre piu’ in crisi nera…

Video: la tripletta di Eto’o

Il Chelsea, con i tre punti agguantati in casa, resta incollato al duo di testa. L’Arsenal è sempre leader, grazie alle due reti di Cazorla nel derby londinese contro il Fulham. Il City di Pellegrini, in poker sui gallesi del Cardiff, insegue a meno 1.

Eredivisie

Trasferiamoci in Olanda, dove ricomincia, dopo quasi un mese di stop, l’Eredivisie. Anno nuovo, stesse squadre in vetta alla classifica, con Ajax e Vitesse che non mollano il colpo. I Lancieri escono vincitori, anche se di misura, dal big match contro il PSV Eindhoven, che non riesce a ingranare.

Dura qualche ora appena la fuga in solitaria del Vitesse in testa alla classifica. Il bel centro del ghanese Christian Atsu apre le marcature al terzo minuto, regalando all’undici di Arnhem il vantaggio che vale l’allungo provvisorio sull’Ajax. Già al decimo i padroni di casa del Zwolle pareggiano però i conti con Fernandez, prima che il Vitesse chiuda i giochi allo scadere con van Aanholdt.
L’indomani l’Ajax riaggancia però il treno di testa grazie a una spettacolare incornata di Sigthorsson, su assist al volo di Schone, che al sessantaquattresimo stende il PSV.

Guardiamo insieme la classifica della prima divisione olandese. Comandano a pari punti i Campioni in carica e il club di Arnhem, con il Twente che insegue da vicino, a meno 3. Il Feyenoord, che infila 5 gol all’Utrecht, è quarto, a quota 36.

Liga

Andiamo ora in Spagna, dove Barcellona a Atletico iniziano il girone di ritorno inciampando. Una prova opaca per i catalani, a Valencia, che faticano a superare l’ottima difesa del Levante, in vantaggio al decimo con il greco Vyntra. Nove minuti dopo i blaugrana pareggiano i conti, ma non lo fanno con il trio offensivo Pedro-Messi-Sanchez, decisamente in ombra durante il match. Ad andare a segno e a scongiurare la figuraccia è infatti Piqué. Il Levante vendica così il 7-0 subito all’andata al Camp Nou. L’Atletico, che poteva approfittarne per salire in vetta alla Liga in solitaria, si ferma invece in casa, con il Siviglia. Finisce 1-1 anche al Vicente Calderon.

Prosegue cosi’ la convivenza tra Barça e Atletico, in testa alla classifica a quota 51. Chi sa cogliere la palla al balzo, ancora una volta, è il Real di Ancelotti che, grazie alla manita rifilata al Betis, si porta a meno 1.

Serie A

L’avventura di Clarence Seedorf sulla panchina del Milan inizia con un successo, seppur di misura, ma pur sempre un successo. E’ Balotelli a firmare l’unica rete dell’equilibrato match di San Siro, contro il soprendente Verona. Un calcio di rigore guadagnato da Kakà e realizzato da SuperMario regala all’ex numero 10 olandese i primi tre punti della sua carriera d’allenatore. C‘è ancora tanto da fare a Milano, per risollevare una squadra in netta difficoltà, ma è già comunque un buon inizio.



Il Milan resta cosi’ all’11esimo posto in classifica, a 8 punti dalla zona retrocessione e a 30 dalla vetta, occupata dalla Juventus. I bianconeri, alla 12esima vittoria consecutiva, comandano a +8 sulla Roma, giustiziere del Livorno.

Salisburgo-Bayern Monaco

In attesa del ritorno della Bundesliga tra quattro giorni, i Campioni in carica del Bayern Monaco scendono in campo per un’amichevole contro il Salisburgo. I bavaresi fanno pero’ un pessimo regalo a Pep Guardiola, nel giorno del suo 43esimo compleanno. E, l’assenza di tre pedine fondamentali come Ribery, Robben e Lahm, non puo’ essere una giustificazione.

La gloria e gli autografi prima del fischio d’inizio. Poi, per il Bayern, non restano che i fischi. Con Sadio Mane che fa il bello e il cattivo tempo, grigi nuvoloni si addensano subito sui tedeschi. Ai fan del Salisburgo che festeggiano increduli, i bavaresi rispondono dal campo con nervosismo. Dante stende in area il solito Mane: per l’arbitro è rigore e Jonathan Soriano non sbaglia. Al diciannovesimo il Bayern è già sotto di due, ma il calvario non è ancora finito. Prima della pausa il terzo sigillo che chiude i giochi. Ma Guardiola minimizza e parla di amichevole per “testare difesa a tre e nuovi assetti tattici”.

Il Bayern tornerà in campo venerdi’ sera, a Mönchengladbach, contro la terza in classifica, per la 18esima giornata di Bundes. Questa volta Guardiola non vuole altri passi falsi.

L’appuntamento con “The Corner”, per questa settimana finisce qui. Ci vediamo lunedi’ prossimo, per un altro affondo nel calcio europeo.