ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Peugeot Citroën, cda dà il via libera all'ingresso dei nuovi soci

Lettura in corso:

Peugeot Citroën, cda dà il via libera all'ingresso dei nuovi soci

Dimensioni di testo Aa Aa

Semaforo verde da parte del consiglio di amministrazione di PSA Peugeot Citroën all’aumento di capitale da 3 miliardi di euro che ridisegnerà l’assetto proprietario del gruppo.

Il partner cinese Dongfeng e lo Stato francese dovrebbero entrare con una quota del 14% ciascuno, mentre la famiglia Peugeot, probabilmente, perderà per la prima volta nella storia la presidenza.

Nuovi investimenti, dicono i vertici, sono indispensabili per rimanere competitivi in un mercato che continua a perdere colpi: nel 2013 le auto vendute sono calate del 4,9%.

Tra le aree più colpite l’Europa, dove PSA ha fatto peggio di un mercato già in decisa frenata. Molto male la Russia, mentre il risultato cinese (+26,1%) sembra indicare con chiarezza dove una rinascita è possibile.

“Peugeot licenzia, cancella posti di lavoro a ruota libera, e lo Stato vuole aiutarla? È un vero scandalo!”, commenta Jean Pierre Mercier della sigla sindacale CGT.

“Oggi sappiamo che l’obiettivo della direzione di Peugeot è di delocalizzare, di spostare la produzione all’estero. E lo Stato vuolo sostenere questa politica? È scandaloso”, aggiunge.

La svolta non è piaciuta neanche ai mercati a causa del prezzo delle azioni offerte ai due compratori ben al di sotto di quello di mercato.

A festeggiare sono invece i vertici di Dongfeng, che si aggiudicheranno la produzione di utilitarie low-cost in territorio cinese e un posto di prestigio sulla scena globale.