ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: multa e carcere a chi userà impropriamente i simboli del nazismo

Lettura in corso:

Israele: multa e carcere a chi userà impropriamente i simboli del nazismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Dare del nazista a qualcuno potrebbe costare caro d’ora in avanti in Israele. Chi userà impropriamente i simboli e la terminologia nazista potrà rischiare una multa da 21 mila euro e sei mesi di reclusione. E’ solo un progetto di legge, ma ha sollevato un vespaio. A proporlo, l’ala dura del partito laico di destra Yisrael Beitenu. Uno dei membri:

“La libertà di espressione non è assoluta, è relativa. Permette alla gente di esprimersi quando c‘è un reale timore delle autorità o una società che ti minaccia. Qui la libertà di espressione ha oltrepassato ogni limite. Dobbiamo proteggerci dalla libertà di espressione irresponsabile, quella che alla fine nuoce alle persone”.

La proposta ha ricevuto l’accordo preliminare della Knesset, ma dovrà ancora essere sottoposta a tre diverse letture. Un progetto simile era già stato bocciato nel 2012. Per gli oppositori è un testo inutile che rischia di minare la libertà di espressione.

“E’ una legge stupida. Il nostro Paese conosce meglio di ogni altro cosa è accaduto agli ebrei durante l’Olocausto. Ricordiamo l’Olocausto ogni giorno. Ne parliamo ai nostri studenti e non abbiamo bisogno di questa legge. E’ solo un modo di attirare l’attenzione su qualcosa che non ha bisogno di attirarne”.

Recentemente più voci della cultura nazionale e internazionale hanno paragonato Israele alla Germania nazista in merito alla questione palestinese. Anche il premier Rabin per protesta, venne mostrato vestito da nazista in una manifestazione pochi mesi prima del suo assassinio. Il direttore della Libreria del museo Yad Vashem, sulla la Memoria della Shoah:

“Non è in discussione che il cattivo utilizzo dell’Olocausto, dei suoi simboli e della sua terminologia nei discorsi pubblici sia una questione seria qui in Israele e nel resto del mondo. Non è indiscussione neanche che sarebbe meglio che la gente evitasse di usarli perché hanno capito il loro significato. E’ una questione di istruzione. attraverso l’esempio dei nostri leader, culturali e politici. La gente capirebbe di non dover utilizzare questi simboli quando non è appropriato. Pensiamo che questa sarebbe la cosa migliore da fare”.

In Europa, alcuni governi hanno bandito l’utilizzo di simboli legati al Terzo Reich per arginare tendenze neo-naziste, come la Germania e la Francia.