ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina: condannata ostetrica che vendeva i neonati

Lettura in corso:

Cina: condannata ostetrica che vendeva i neonati

Dimensioni di testo Aa Aa

È la pena capitale la punizione che un tribunale di Weinan, nella Cina settentrionale, ha inflitto a Zhang Shuxia, un’ostetrica.
La donna, nella provincia dello Shaanxi, aveva rapito e rivenduto sette neonati, secondo i giudici che l’hanno condannata sospendendo però la pena.
La sentenza capitale sospesa viene solitamente commutata in carcere a vita.

La donna aveva sottratto i neonati ai genitori dicendo loro che erano gravemente malati o già morti, e li aveva poi rivenduti ad alcuni trafficanti.
Per le femmine riceveva 20.000 yuan, pari a circa 2.400 €, e per i maschi più del doppio: 47.000 yuan.

Per uno dei neonati, che la cinquantacinquenne ostetrica aveva venduto per il corrispettivo di appena 150€, non c‘è stato nulla da fare: è morto poco dopo esser stato consegnato ai trafficanti. Gli altri sei sono stati recuperati e restituiti ai genitori.