ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Fine della ricreazione". Bangui fa il muso duro ai violenti

Lettura in corso:

"Fine della ricreazione". Bangui fa il muso duro ai violenti

Dimensioni di testo Aa Aa

In Repubblica Centrafricana è “finita la ricreazione”.

A suonare la campanella, con un annuncio fra trionfalismo e altolà, è il presidente ad-interim Alexandre-Ferdinand Nguendet, che – fresco di nomina – già promette la cessazione delle violenze entro una settimana.

Prime e sporadiche scene di riconciliazione tra milizie contrarie e fedeli all’ex presidente Djotodia si sono già registrate in alcune zone della capitale Bangui.

Sempre qui, centinaia di soldati regolari che, insieme a numerosi agenti di polizia, avevano disertato per paura di rappresaglie, hanno nelle ultime ore reintegrato le caserme.

Nguendet ha assicurato che gli agenti, assenti dalla capitale da settimane, torneranno a garantirne la sicurezza entro i prossimi tre giorni.

Un’impennata delle violenze nel weekend aveva poco prima indotto a proseguire alle evacuazioni da Bangui. Almeno 13 le vittime contate dalla Croce Rossa soltanto da venerdì, il giorno in cui il presidente Djotodia aveva annunciato le dimissioni.

++++++++++++++++

Fine della ricreazione in Repubblica Centrafricana. Il presidente ad interim suona la campanella: “fine delle violenze entro una settimana”

(2) In Repubblica Centrafricana è “finita la ricreazione”. A suonare la campanella, con un annuncio fra trionfalismo e altolà, è il presidente ad-interim Alexandre-Ferdinand Nguendet, che – fresco di nomina – già promette la cessazione delle violenze entro una settimana. (10/11)

(15) Prime e sporadiche scene di riconciliazione tra milizie contrarie e fedeli all’ex presidente Djotodia si sono già registrate in alcune zone della capitale Bangui. Sempre qui, centinaia di soldati regolari che, insieme a numerosi agenti di polizia, avevano disertato per paura di rappresaglie, hanno nelle ultime ore reintegrato le caserme. (20/21)

(36) Nguendet ha assicurato che gli agenti, assenti dalla capitale da settimane, torneranno a garantirne la sicurezza entro i prossimi tre giorni. (8/8)

(44) Un’impennata delle violenze nel weekend aveva poco prima indotto a proseguire alle evacuazioni da Bangui. Almeno 13 le vittime contate dalla Croce Rossa soltanto da venerdì, il giorno in cui il presidente Djotodia aveva annunciato le dimissioni. (56-58)