ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: nuovi scontri a Kiev, ex ministro Interni tra i feriti

Lettura in corso:

Ucraina: nuovi scontri a Kiev, ex ministro Interni tra i feriti

Dimensioni di testo Aa Aa

La condanna di tre attivisti dell’opposizione riaccende lo scontro tra manifestanti anti-governativi e polizia a Kiev.

Diverse persone sono rimaste ferite nella capitale ucraina durante la manifestazione a sostegno degli esponenti nazionalisti che dovranno scontare sei anni di detenzione per aver tentato di far saltare in aria – nel 2011 – una statua di Lenin.

Gli incidenti hanno visto coinvolto anche l’ex ministro degli Interni e figura di spicco dell’opposizione, Yuriy Lutsenko.

“Devono rendersi conto che non continueremo a subire – spiega una dimostrante – Continueremo a protestare. Non abbiamo nulla per proteggerci dagli attacchi. Non abbiamo scudi, ma abbiamo la dignità”.

L’Ucraina sta vivendo la più grande mobilitazione di protesta dalla rivoluzione arancione del 2004. Il tentativo del governo di ariginare l’opposizione con la violenza ha provocato, in più di un’occasione, l’immediata reazione della piazza.

“Il periodo delle vacanze invernali è stato relativamente calmo in Ucraina, ma la situazione rimane tesa. I manifestanti scendono in strada non appena il governo offre loro la minima ragione per farlo – conclude la corrispondente di euronews, Angelina Kariakina – I nomi dei poliziotti che hanno abusato della forza negli scontri del novembre scorso non sono ancora noti, per questo i manifestanti cercano di responsabilizzare gli agenti con un modo più semplice: togliendo loro le maschere e per costringerli a mostrare i loro volti” .