ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele, è morto l'ex primo ministro Ariel Sharon

Lettura in corso:

Israele, è morto l'ex primo ministro Ariel Sharon

Dimensioni di testo Aa Aa

Un “architetto dello Stato” per il presidente israeliano Shimon Peres. Un “tiranno” dalle mani lorde di sangue per Hamas. Nella morte, Ariel Sharon continua a dividere, proprio come aveva fattio in vita.

L’ex premier israeliano è morto questo sabato dopo otto anni di coma profondo. “Ha lottato, come sempre”, hanno detto i medici, ma già da i primi giorni di gennaio le sue condizioni si erano aggravate a causa di un’infezione, lasciando poche speranze.

Dopo l’annuncio, la salma è stata prelevata dallo Sheba Medical Center di Tel Aviv. Domenica l’apertura della camera ardente presso la Knesset, il parlamento israeliano. Lunedì mattina la veglia funebre. E, lunedì pomeriggio, i funerali.

Protagonista di una carriera militare che ha attraversato tutti e quattro i conflitti israelo-palestinesi, è però lo Sharon politico la figura più controversa.

Promotore degli insediamenti dei coloni israeliani, i suoi nemici ne hanno sempre ricordato il ruolo nei massacri di Sabra e Chatila, durante l’invasione del libano nei primi anni ottanta, che gli costarono il posto da ministro della Difesa.

È stato capace di dividere anche in patria: nei primi anni duemila la svolta moderata da primo ministro e la decisione di ordinare lo sgombero degli insediamenti dai territori palesinesi.

Uomo di pace, come l’hanno definito tanti leader internazionali, o di guerra, parola dei nemici, ad ogni modo, adesso, il giudizio è nelle mani della storia.