ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Renée Fleming: americana di Germania, che sposa Strauss a 'My Fair Lady'


musica

Renée Fleming: americana di Germania, che sposa Strauss a 'My Fair Lady'

In partnership con

Renée Fleming, soprano americano tra le più richieste al mondo, ha brillato al recente concerto di Capodanno, accompagnata dalla Staatskapelle di Dresda.

Uno spettacolo che propone un mix di operetta e musical in cui Berlino incontra Broadway, complici il tenore Klaus Florian Vogt e il Maestro Thielemann.

Forse non tutti sanno che la vincitrice di quattro Grammy vanta un rapporto di lunga data con la Germania e la cultura tedesca.

Tutto cominciò quasi trent’anni fa, grazie a una borsa di studio Fulbright.

“Fu un’esperienza formativa incredibile – ci racconta Renée Fleming -, che mi ha permesso di assimilare enormemente, e di trovarmi poi a cantare per i primi dieci anni di carriera Mozart, che ritengo un grande maestro per la voce, e poi di continuare con la musica di Richard Strauss”.

Malgrado soddisfazioni sul palco e palestra professionale, i primi passi di Renée in Germania non sono stati semplici.

“È stato difficile… trovarmi da sola… – confessa -. E in più non ero una ragazza molto avventurosa, allora. Ricordo che sull’aereo che mi portava in Europa ho pianto tutto il tempo e una signora mi ha detto: ‘Cara, non pensi sia il caso di tornare indietro?’. Ma ho tenuto duro. Ci sono voluti sei mesi per cavarmela con la lingua e per non sentirmi troppo sola… Anche se no, per la musica, è subito stato stupendo!”.

Proprio la musica ha poi giocato un ruolo determinante nella sua integrazione. Pagine di note e di storia che hanno regalato a Renée Fleming una prospettiva privilegiata sulla cultura tedesca.

“Qui in Germania mi sento a casa, a mio agio, prima di tutto perché parlo la lingua… – ci spiega – Certo, non perfettamente, ma abbastanza per muovermi e per comunicare, è importante, questo; poi, la musica che canto io, soprattutto la musica di Richard Strauss, è una parte così importante della cultura tedesca… E questo teatro…! Quando vengo qui e penso a tutte le opere che hanno debuttato su questo palcoscenico, mi commuovo!”.

Meno commovente ma altrettanto formativa, l’assenza di peli sulla lingua che ha subito avuto modo di sperimentare.

“Per cultura – ci racconta ancora Renée Fleming – in Germania la gente era molto più diretta e franca rispetto a quanto fossi abituata, per cui se un giorno non cantavo bene, amici e colleghi mi dicevano: ‘Scusa, ma oggi hai cantato proprio male’; mentre a New York, quando ero studentessa, avrebbero detto ‘wow, stupenda!’ anche quando non ero un granché… Per cui qua sapevo sempre quanto valessi, e questa è una bella cosa”.

Renée Fleming non è solo una star della lirica, ma anche un’artista fortunata che ha trovato sulla sua strada più di un collega prodigo di saggi consigli.

“Leontyne Price – ricorda ancora Renée – mi convocò a casa sua e mi disse: ‘Ho l’impressione che tu abbia bisogno d’aiuto, che tu sia in difficoltà… in questo momento tutti ti vogliono, lo stress è enorme, c‘è questo ‘brusio’ intorno a te; vorrei capissi che c‘è una cosa sola che puoi fare: ed è concentrarti sul canto e sulla voce’. Mi fu di enorme aiuto… Ricordo che me ne stavo seduta lì a prendere appunti… Siamo rimaste in contatto e ogni tanto la chiamo: ‘Signora Price, mi riceverebbe un’altra volta?’”.

Nel servizio è possibile ascoltare alcuni frammenti dei seguenti brani musicali:

- Robert Stolz, “Du sollst der Kaiser meiner Seele sein”, dall’operetta “Der Favorit” (1916) e “Zwei Herzen im Dreivierteltakt” dall’operetta omonima (1933)

- George Gershwin, “The Lorelei”, dal musical “Pardon my English” (1933)

- Frederick Loewe, “I could Have Danced All Night”, dal musical “My Fair Lady” (1956)

- Kurt Weill, “Foolish Heart”, dal musical “One Touch of Venus” (1943)

- Irving Berlin, “Anything You Can Do”, dal musical “Annie Get Your Gun” (1946)

Ulteriori estratti della nostra intervista al soprano americano Renée Fleming sono disponibili, in inglese, al seguente link:
Opera off stage: a diva reveals her ‘extracurricular activities’

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Cantando sulle orme di Bach

musica

Cantando sulle orme di Bach